ospedale acqui

Una vittoria della politica che non urla

Una vittoria della politica che non urla

Ottria PD, Sanità: il tavolo tecnico é una vittoria della politica che non urla.

Torino, 9 febbraio 2016. Venerdì 5 febbraio a Torino si è tenuto l’incontro, da me tanto auspicato, ricercato ed annunciato, tra l’assessore Saitta e tutti i sindaci dell’acquese, momento che ha segnato l’apertura di un confronto, a detta di tutti costruttivo, in merito all’organizzazione dei servizi sanitari dell’ospedale di Acqui Terme.

In seguito alla richiesta in Aula del sottoscritto e dei colleghi Ravetti e Gariglio (PD), il confronto avviato venerdì in Assessorato, ha posto le basi per entrare veramente nel merito degli atti programmatici previsti per il nostro presidio ospedaliero e al fine di ricercare all’interno di essi quelle soluzioni organizzative che permettano la maggior funzionalità possibile alla nostra struttura e quindi il maggior beneficio per i cittadini acquesi.

Le tappe sono semplici: creazione di una tavolo tecnico istituzionale che vedrà la presenza, da una parte dei dirigenti delle Aziende Sanitarie Provinciali (ASL e ASO), e dall’altra una rappresentanza dei sindaci del territorio che loro stessi designeranno.

Tale opportunità, proposta dall’assessore nell’incontro di venerdì 5, è stata accolta positivamente dai sindaci, contribuendo a rasserenare il clima e a porre le basi per un confronto costruttivo.
Ritengo a questo proposito, – prosegue Ottria – di avere svolto il mio dovere al meglio e di questo sono soddisfatto; permettere una proficua collaborazione tra la Regione ed i territori più lontani è una sfida a volte complicata ma necessaria.

Il nuovo scenario che si è venuto a creare, nonostante le polemiche, a volte inevitabilmente strumentali, non è stato ritenuto sufficiente ad annullare la manifestazione a Torino presso il Consiglio Regionale del 9 febbraio.

Gli acquesi giunti a Torino sono pertanto stati ricevuti in coda al Consiglio Regionale (inizialmente convocato per discutere ed approvare una legge riguardante la violenza alle donne ed il sostegno anche economico alle stesse e ai loro figli); alle 13, alla presenza dei vertici regionali, è stato ribadito tutto quanto già detto venerdì in Assessorato senza alcuna modifica o aggiunta; Saitta ha poi rivolto un appello ai Sindaci presenti, pregandoli di veicolare una giusta informazione ai propri cittadini, ribadendo nello specifico che il Pronto Soccorso di Acqui Terme, ed i servizi ad esso collegati, non sono mai stati in pericolo e che quindi il Pronto Soccorso non chiuderà certamente.

Per approfondire

 Walter Ottria

Articoli Correlati

About Author

Connect with Me: