politiche attive del lavoro

Politiche attive del lavoro: il mio intervento in Aula

Ringrazio l’Assessora Pentenero per l’ampia esposizione dei dati relativi alle politiche attive del lavoro in Piemonte, ambito che è da inquadrare però in una cornice più ampia, di livello nazionale ed europeo.

A mio parere il segnale più semplice da percepire riguardo l’enorme cambiamento che ha interessato il mondo del lavoro, non solo rispetto agli anni ‘80 e ‘90 ma pure ai primi anni 2000, quelli pre-crisi, si può cogliere aprendo internet e più specificamente un qualunque motore di ricerca. Se digitiamo lì dentro “politiche attive del lavoro”, i primi risultati sono tutti relativi ad agenzie private che hanno come scopo, per dirla con le loro parole, la “creazione di soluzioni integrate per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro”. Ammetto che l’esito della ricerca è stato inaspettato.

Il ruolo dello Stato, se stiamo a vedere Google, è molto marginale in quello che un tempo, e pure per la nostra Costituzione, dovrebbe essere elemento fondamentale delle proprie politiche.

Al netto della propaganda che da molti schieramenti si scatena quando si parla di occupazione, una fotografia esaustiva nonché allarmante, viene sintetizzata nelle pagine de La Stampa di ieri.

Se da un lato infatti la lenta ripresa economica che sta interessando l’Europa ha raggiunto pure l’Italia – seppur in misura minore del resto del continente – questa ripresa ha interessato in maniera diversa le generazioni: mentre tra gli ultra 50enni si sono recuperati 850.000 posti di lavoro, tra i giovani sono solo 50.000 i nuovi lavoratori.

In questo senso, oltre all’aumento esponenziale delle diseguaglianze tra generazioni – con quelle più vecchie costrette a sostenere anche economicamente quelle più giovani – occorre registrare come le politiche pubbliche attive per il lavoro siano state più efficaci con i soggetti nella fascia 1, quelle che necessitano di una bassa intensità di aiuto, mentre lo sono state molto meno con gli individui (coloro si affaccia per la prima volta nel mondo del lavoro) che la normativa identifica come persone che necessitano di servizi intensivi per un periodo medio/lungo e di forte sostegno individuale per la collocazione e ricollocazione nel mercato del lavoro.

Ma d’altronde, citando altri dati, sulle politiche attive del lavoro in Italia si è speso poco: molto meno del resto dell’Europa, o almeno dei principali Stati nostri competitor, anche industriali, privilegiando molto di più misure classiche di approccio alla lotta disoccupazione quali quelle legate all’assistenza e ai sussidi, piuttosto che quelle finalizzate a potenziare i servizi pubblici per l’impiego.

Proporzionando la spesa ai vari Paesi UE, l’Italia ha speso in queste politiche 750 milioni di Euro contro i 5,5 miliardi della Francia e gli 11 della Germania; se pure l’Italia avesse speso quanto la media EU, avrebbe dovuto stanziare 3,5 miliardi di Euro.

Inoltre, la spesa per le politiche attive in Italia ha caratteristiche molto diverse riguardo la distribuzione delle risorse messe a disposizione dal Governo: il 55% della spesa va in incentivi all’assunzione: poco è importato al legislatore la qualità e la durata della stessa. In questo senso – come testimoniano gli ultimi dati – c’è da registrare la scarsa efficacia delle politiche del Jobs Act: secondo l’Osservatorio statistico dei Consulenti del Lavoro la disoccupazione di lunga durata (ovvero di chi resta senza lavoro per oltre 12 mesi), ancora nel secondo trimestre del 2017 riguardava il 57% dei disoccupati italiani: dietro l’Italia ci sono solo Grecia, Bulgaria e Slovacchia.

C’è poi da tenere in considerazione la preoccupante tendenza che si evince dai dati sul lavoro: finiti gli incentivi, le occupazioni stabili sono rimaste ferme e il contratto “a tutele crescenti” che doveva diventare la via maestra per accedere alla professione è stato nuovamente scalzato dalle forme a tempo determinato.

Diverse – e in fin dei conti maggiormente premianti – sono state le strade intraprese da altri stati europei e in particolare da Francia e Germania: qui gli incentivi all’assunzione sono state nell’ordine del 6 e dell’8% della spesa per il lavoro; in Germania oltre i tre quarti della spesa è investita in formazione, mentre la Francia ha diversificato gli investimenti: il 29% in creazione diretta di posti di lavoro socialmente utili, il 12% per il supporto delle fasce deboli, quasi la metà della spesa invece va in formazione. Per i sostegni (ovvero le politiche passive erogate ai disoccupati) sono stati messi sul piatto 21,3 miliardi.

Questi i dati. Che fare, dunque? Intraprendere nuove vie, garantire a tutti dignità di vita e investire in formazione e in creazione di posti di lavoro attraverso investimenti pubblici: è questa la strada. Non vorrei abusare di refrain che uso spesso, voglio però sintetizzare tre ambiti in cui lo Stato – ma pure la Regione – possono fare la loro parte (attiva):

  1. La messa in sicurezza del territorio, un piano di opere pubbliche puntuali in tutta Italia.
  2. Investimenti nel patrimonio culturale e nella ricerca e nello sviluppo; incentivi per start-up.
  3. Un piano di svecchiamento della pubblica amministrazione anche legata all’utilizzo di nuove tecnologie volte ad una massiccia sburocratizzazione.

Tre ambiti specifici che potrebbero raggiungere due risultati contemporaneamente: aumentare la platea di lavoratori e diminuire le spese che in questi settori crescono a dismisura, spesso a causa di una mancata pianificazione di medio e lungo periodo. Vince sempre la rincorsa dell’emergenza.

I posti di lavoro non si creano attraverso il mero cambiamento delle regole contrattuali e non solo attraverso l’azione di accompagnamento e l’orientamento al mercato del lavoro svolta dai Centri per l’impiego.

Credo però che l’Amministrazione regionale debba essere impiegata fortemente ed in prima persona nella gestione di questo importante strumento, occupandosene direttamente, anche attraverso la presa in carico delle strutture e dei lavoratori, così come prevede pure un emendamento del Governo alla Legge Finanziaria.

Sarebbe un segnale concreto e sostanziale di attenzione verso la maggiore fonte di preoccupazione dei cittadini piemontesi.

Fonte dei dati:
La Repubblica, 04.11.2017
La Stampa, 19.12.2017

Articoli Correlati

About Author

Connect with Me: