Nuovo Bando PSR - Sostenibilità alle aziende agricole

Nuovo Bando PSR 2014-2020 – Sostenibilità delle aziende agricole

E’ stato pubblicato il nuovo Bando PSR 2017 della Regione Piemonte relativo alla Misura 4 – Operazione 4.1.1 “Miglioramento del rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole”.

La Regione Piemonte ha stanziato 22 milioni di Euro per l’erogazione di contributi per la realizzazione d’investimenti, con lo scopo di favorire l’adeguamento strutturale delle aziende agricole e di migliorarne la competitività. Possono accedere a tale finanziamento anche congiuntamente più aziende agricole.

Soggetti beneficiari: tutti gli imprenditori agricoli professionali, che siano “agricoltori attivi”, sia persone fisiche che persone giuridiche, singoli o associati.

Le domande possono essere presentate a partire dalla data del 18 luglio 2017 fino al termine ultimo del 23 ottobre 2017.
Queste devono prevenire esclusivamente in via telematica, attraverso l’apposito servizio online del sistema informativo agricolo piemontese “PSR 2014 – 2020 – Procedimenti”, pubblicato sul portale www.sistemapiemonte.it, all’interno della sezione “Agricoltura – Finanziamenti, contributi e certificazioni”.

Clicca qui per maggiori informazioni.

Articoli Correlati

bandi regione 2017

Bandi e graduatorie Regione Piemonte – Luglio 2017

Sono stati pubblicati nel BUR n. 28 nuovi bandi e graduatorie: di seguito una sintesi non esaustiva.

Bando Settore pesca ed acquacoltura. Il Bando è stato emanato in attuazione della Misura 2.48 (Investimenti produttivi destinati all’acquacoltura), della Misura 5.68 (Misure a favore della commercializzazione), e 5.69 (Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura).

– Misura 2.48. Finanzia investimenti produttivi per il settore acquacoltura, che riducano l’impatto negativo sull’ambiente e sulle acque, con lo scopo di recuperare e sfruttare le aree più idonee, riqualificare e diversificare le produzioni e i processi produttivi, garantendo la compatibilità con l’ambiente, e valorizzare il prodotto.
Beneficiari: tutte le imprese acquicole che vogliano effettuare interventi di aumento della produzione e/o ammodernamento delle proprie imprese, già esistenti o di nuova formazione.
– Misura 5.68. Mira ad accrescere la competitività dei settori pesca e acquacoltura ed a promuovere la qualità e il valore aggiunto delle produzioni ittiche, con l’obiettivo di sostenere i soggetti che promuovono e incentivano la competitività del settore ittico.
Beneficiari: le organizzazioni di produttori riconosciute, le associazioni di organizzazioni di produttori e gli organismi di diritto pubblico.
– Misura 5.69. Promuove la competitività delle aziende che operano nel settore della trasformazione e della commercializzazione tramite investimenti finalizzati al risparmio energetico e alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, nonché al miglioramento della sicurezza, dell’igiene e delle condizioni di lavoro. Lo scopo: innovare sia le strutture che i processi produttivi.
Beneficiari: tutte le micro, piccole e medie imprese, nonché tutte le imprese diverse dalle PMI.

La scadenza per la presentazione delle domande è stabilita entro il termine perentorio di 45 giorni, decorrenti dal giorno successivo a quello di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale.
Clicca qui per maggiori informazioni.

Bando per la selezione e la formazione dei tutori volontari per Minori Stranieri Non Accompagnati. Il bando ha lo scopo di dare attuazione alla Legge italiana n. 47/2017 “Disposizioni in materia di misure di protezione di minori stranieri non accompagnati”, che all’art. 11 prevede l’istituzione di un elenco dei tutori volontari, presso i Tribunali dei Minori. I requisiti di ammissibilità e le modalità di presentazione della domanda sono indicati all’interno del bando stesso.
Clicca qui per saperne di più.

In evidenza, la pubblicazione della DD n.585 (21 giugno 2017), con la quale è stata approvata la graduatoria delle domande per l’assegnazione delle superfici iscrivibili a Schedario viticolo con l’idoneità alla rivendicazione della denominazione Gavi DOCG. Assegnazione a 24 aziende di tale idoneità, per complessivi 10,1171 ettari.
Clicca qui per il testo.

In ultimo, la DD n.312 del 5 luglio 2017: elenco delle imprese ammesse, ed ammesse con riserva al Progetto Bottega Scuola, a sostegno dell’artigianato.
Clicca qui per il testo.

Articoli Correlati

Bando 2017

Bando 2017 – Piano Verde: un aiuto per le PMI

È stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Piemonte n. 25, del 22 giugno 2017, il nuovo bando 2017 relativo alla concessione di contributi a favore di cooperative agricole e altre forme associate composte da almeno cinque imprenditori agricoli.

CHI PUÓ RICHIEDERE L’AIUTO. Possono beneficiare dell’aiuto le piccole e medie imprese (PMI) aventi sede operativa in Regione Piemonte, che siano condotte da cooperative agricole o da altre forme associate composte da almeno cinque imprenditori agricoli in possesso dei requisiti di cui l’articolo 1 commi 1 e 3 del D.Lgs. n. 99/2004, ed iscritte al Registro delle Imprese e che abbiano costituito il fascicolo aziendale, purché non rientranti nella categoria delle imprese in difficoltà.

SCOPO DEL BANDO. Lo scopo del bando è quello di concedere un prestito di conduzione, della durata massima di un anno, col fine di anticipare i capitali necessari per far fronte ai costi sostenuti nei cicli produttivi aziendali, in attesa dei conseguenti ricavi.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE. La domanda deve presentarsi attraverso l’utilizzo dei servizi online integrati nel sistema informativo agricolo piemontese (SIAP). La scansione della copia della domanda stampata dalla procedura, sottoscritta dal legale rappresentante, dovrà essere trasmessa tramite PEC al Settore Strutture delle Imprese Agricole ed Agroindustriali ed Energia Rinnovabile della Direzione Agricoltura entro sette giorni lavorativi dall’inoltro telematico (sistemagroindustriale@cert.regione.piemonte.it), insieme alla documentazione elencata all’interno del bando.

LA SCADENZA. Termine ultimo per la presentazione della domanda è previsto per la data il 31 dicembre 2017.

Scarica qui il bando ed i modelli necessari.

Articoli Correlati

Cibo

E’ USCITO IL BANDO PSR: MISURA 3.1.1 “Partecipazione a regimi di qualità”.

Il nuovo bando relativo al Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 24, del 15 giugno 2017.

A CHI É RIVOLTO. Il bando è riservato agli agricoltori attivi singoli o loro associazioni nel caso di approccio collettivo, come specificato dal regolamento (UE) n. 1305 all’articolo 16 paragrafo 1 , che aderiscono per la prima volta ad almeno un regime di qualità tra quelli specificati al punto 4.3. (Condizioni di ammissibilità) dello stesso,  per un massimo di cinque anni consecutivi a partire da quello di prima partecipazione con iscrizione allo specifico sistema di controllo e liquidazione del contributo.

LE FINALITA’. Scopo della misura è quello di  valorizzare e rafforzare le produzioni di qualità, migliorando il loro posizionamento sui mercati, la competitività del settore agricolo, incrementando le opportunità di lavoro e contribuendo allo sviluppo delle zone rurali.

La partecipazione degli agricoltori ai regimi di qualità non solo migliora l’offerta ai consumatori e rafforza la competitività delle imprese agricole e agroalimentari, ma induce anche i produttori a integrarsi tra di loro e a dotarsi di regole comuni per garantire la qualità dei loro prodotti.

Naturalmente, la produzione di prodotti qualitativamente superiori comporta non solo il rispetto di vincoli ma anche il sostegno di spese aggiuntive; per tale motivo si rende necessario incentivare le aziende agricole alla partecipazione ai regimi di qualità attraverso il riconoscimento delle relative spese di adesione.

La dotazione finanziaria prevista per l’attuazione di questo bando è fissata in Euro 2.100.000.

LA SCADENZA. Il termine ultimo di adesione al bando è fissato per la data del 29 GIUGNO 2017, ore 23.59.59.

Scarica qui il bando.

Articoli Correlati

Oltregiogo

L’assessore Parigi riceve l’Oltregiogo per l’Unesco

Nel pomeriggio del 7 giugno scorso, l’Assessore regionale alla cultura, Antonella Parigi ha incontrato alcuni esponenti dell’Associazione Oltregiogo, il comune di Novi Ligure e quello di Basaluzzo per presentare “Tracce Liguri – Oltregiogo e Oltremare”, il progetto che ha l’obiettivo di lanciare la proprio candidatura Unesco per la valorizzazione delle tracce liguri nel patrimonio dell’Umanità, per la valorizzazione a rete delle risorse culturali urbane e territoriali e dell’internazionalità della cultura ligure.

«Ho cercato ed ottenuto che avvenisse questo incontro perché seguo il percorso di questa associazione da circa due anni, attraverso le iniziative ed i convegni internazionali che l’Associazione Oltregiogo ha organizzato; ritengo che possa essere una formidabile possibilità per puntare lo sguardo su un territorio, quello dell’appennino piemontese, che ha alte potenzialità.

È inutile negare la difficoltà dell’impresa, ottenere il riconoscimento Unesco sarà difficile; è un lavoro laborioso che dovrà trovare l’interesse del Ministero e della stessa Organizzazione mondiale me è pur vero che si parte da una base davvero buona: le ricerche accademiche effettuate negli anni e gli eventi organizzati – lo ha sostenuto anche l’Assessore Parigi – sono un punto di partenza importante. L’oggetto del riconoscimento immateriale è solido, le tracce liguri sono riconoscibili in larga parte dell’Europa e arrivano fino al Brasile, ma è evidente che gran parte delle possibilità di raggiungere il riconoscimento passerà per la creazione di un dossier inattaccabile. Ed è su questo che l’Assessore Parigi si è concentrata, mettendo a disposizione fin da subito un funzionario che seguirà dal punto di vista tecnico la pratica in questa fase preliminare».

Ritengo davvero importante lodare Dino Angelini, una persona che ha a cuore questa idea e che ha capito che qualsiasi obiettivo, specie se ambizioso come questo, si raggiunge facendo squadra; ha pertanto coinvolto 34 Comuni, alcuni sponsor davvero importanti: Elah Dufur Spa, McArthurGlen Serravalle Designer Outlet, Consorzio Tutela del Gavi, Amaretti Cavo e Villa Sparina e varie associazioni ed Enti nazionali ed internazionali.
Questo ritengo sia il modello giusto. Condividere al massimo l’obiettivo, allargare alla partecipazione di tante realtà diverse portatrici di un contributo originale e decisivo, e costruire una rete mista di Enti pubblici e partner privati che avranno la possibilità di beneficiare dell’eventuale successo dell’iniziativa. Se l’unità d’intenti rimarrà immutato lungo tutte le tappe del percorso, questo territorio potrà togliersi delle soddisfazioni».

Servirà lavoro di squadra e determinazione.
Sarà necessario remare tutti dalla stessa parte.
Occorreranno poche parole e molto lavoro.
Ma il primo passo l’abbiamo compiuto!

Walter Ottria

Articoli Correlati

cave

PDL sulle cave: continua il gruppo di lavoro

PDL sulle cave: continua il gruppo di lavoro

(altro…)

Articoli Correlati

rivalta bormida

Sagra dello Zucchino, Rivalta Bormida

Sagra dello Zucchino, Rivalta Bormida

(altro…)

Articoli Correlati

occupazione

Cinque milioni per l’occupazione giovanile

Cinque milioni per l’occupazione giovanile

(altro…)

Articoli Correlati

Consapevolezza e precauzione per la tutela della salute

Consapevolezza e precauzione per la tutela della salute

(altro…)

Articoli Correlati

psr bando

Premio di insediamento ai giovani agricoltori

PSR Regione Piemonte 2014-2020 – Premio di insediamento ai giovani agricoltori

(altro…)

Articoli Correlati